skip to Main Content

The Monday

Settimanale di politica, economia, affari, finanza, cronaca giudiziaria&locale e investigation

il lunedì Video

3 Video

    All’improvviso nessuno raccoglie più le cacche dei cani, Pampaloni gode, chi pulisce le strade un po’ meno

    All'improvviso nessuno raccoglie più le cacche dei cani, Pampaloni gode, chi pulisce le strade un po' meno

    All’improvviso nessuno raccoglie più le cacche dei cani, Pampaloni gode, chi pulisce le strade un po’ meno

    Il primo concetto da identificare in questa notizia non è la cacca dei cani che non viene raccolta dai chi li porta fuori casa per una passeggiata o per dare loro un attimo di libertà da dedicare ai propri bisogni. Il primo concetto è che qualcuno utilizza questo stratagemma per incrementare il consenso popolare di Massimiliano Pampaloni, il quale ha sempre rivendicato la necessità di tracciare, attraverso il dna canino, a chi appartengono le cacche dei cani.

    Quindi è facile ipotizzare come questo stratagemma sia utili nell’economia dell’Assessore per rafforzare la propria leadership.

    Qualche giornale locale infatti espone i cartelli di protesta contro l’inciviltà di chi porta a spasso il proprio animale, e tutto ciò non può che portare a dire: “Aveva ragione l’Assessore Pampaloni, bisogna fare come dice lui.”

    In realta secondo noi è una macchinazione della frangia che vede in Pampaloni il potenziale futuro leader di Carmagnola o ci per interessi indiretti si auspica che l’Assessore acuisti più potere possibile.

    Questo articolo ha 0 commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back To Top