skip to Main Content

The Monday

Settimanale di politica, economia, affari, finanza, cronaca giudiziaria&locale e investigation

il lunedì Video

3 Video

    Cairo, non sarai mai come Berlusconi

    Cairo l'avvoltoio

    Cairo, non sarai mai come Berlusconi

    Cairo, non sarai mai come Berlusconi

    In onda su La 7, Vittorio Sgarbi viene interrogato, su quelle che saranno le sorti dell’eredità politica di Berlusconi, nonostante molti intellettuali o esponenti di altri schieramenti mettano in dubbio che esista tale eredità.

    Uno dei nomi promossi da Sgarbi è quello di Urbano Cairo, in una fondazione che raccolga tutte le forze di centro che non siano schierate ne con Schlein ne con Meloni.

    Ma è un’eredità pesante da caricarsi sul groppone per un editore che parla parla parla, ma fatti pochi, che ha evitato il fallimento del Corriere della Sera per mano di Blackstone, grazie a qualche Santo e non grazie a lui, che ha promesso ai tifosi del proprio club di cavalcare i vertici delle classifiche, richiamando a se l’immagine del Grande Torino più volte senza mai neanche sfiorare l’immagine di uno dei magazzinieri di quel Grande Torino scomparso tragicamente a Superga.

    Un arrogante, un chiacchierone, uno che si fa bello sulle spalle degli altri, un paraculo.

    Da sempre ha coltivato l’ambizione di essere il nuovo Berlusconi, così appena il Cavaliere ha tirato le cuoia o era nell’aria che passasse a miglior vita, l’imprenditore Alessandrino non ha esitato e ha sondato il terreno per Mediaset e per Il Giornale. Voci confermate, poi smentite, insomma, è l’inizio di una telenovela che ha il sapore del rigurgito di un bambino dopo essere stato imboccato di veleno.

    Buona Fortuna Presidente.

    Questo articolo ha 0 commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back To Top