skip to Main Content

The Monday

Settimanale di politica, economia, affari, finanza, cronaca giudiziaria e investigation

il lunedì Video

3 Video

La legge Mancino e la legge Scelba

La Legge Mancino e la Legge Scelba sono due leggi italiane che hanno a che fare con la tutela dei diritti civili e la repressione di attività e discorsi discriminatori o incitanti all’odio.

  1. Legge Mancino (Legge 205/1993): Questa legge è stata varata nel 1993 ed è nota come “Legge Mancino” in onore del politico italiano Luigi Mancino, che ne fu uno dei promotori. La legge è stata introdotta per combattere il razzismo, la xenofobia e l’incitamento all’odio razziale o etnico. La Legge Mancino vieta la formazione di associazioni o gruppi che promuovono la discriminazione razziale o etnica, così come la diffusione di materiale che incita all’odio razziale o etnico. Inoltre, questa legge prevede sanzioni penali per le persone che compiono atti discriminatori o incitano all’odio razziale o etnico.
  2. Legge Scelba (Legge 645/1956): La Legge Scelba, chiamata così in onore del politico Mario Scelba, è stata introdotta nel 1956 ed è stata parte delle misure legislative adottate dall’Italia per affrontare le conseguenze del periodo postbellico e il rischio di riemergere del fascismo. Questa legge si concentra sulla repressione delle organizzazioni fasciste e proibisce l’uso di simboli, slogan o gesti fascisti. La Legge Scelba è stata successivamente integrata e modificata da altre leggi per affrontare le minacce alla democrazia e alla convivenza civile.

Entrambe queste leggi mirano a promuovere la convivenza pacifica, la tolleranza e la protezione dei diritti umani in Italia, prevenendo atti di discriminazione, razzismo e intolleranza.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top