skip to Main Content

The Monday

Settimanale di politica, economia, affari, finanza, cronaca giudiziaria e investigation

il lunedì Video

3 Video

Strage a Praga, un uomo ha sparato all’impazzata, uccise 14 persone e ferite 25

Strage a Praga, un uomo ha sparato all'impazzata, uccise 14 persone e ferite 25

Strage a Praga, un uomo ha sparato all’impazzata, uccise 14 persone e ferite 25

David Kozak, 24 anni, ceco, studente è salito sul tetto della facoltà di Filosofia dell’Università Carlo di Praga e ha iniziato a sparare all’impazzata uccidendo 14 persone e ferendone 25.

Poi si è suicidato o, forse, è stato eliminato dagli agenti accorsi.

David Kozak, 24 anni, ceco, studente della stessa università, poco prima della strage aveva ammazzato il padre nell’area di Kladno a una trentina di chilometri dalla capitale.

Strage a Praga, un uomo ha sparato all’impazzata, uccise 14 persone e ferite 25

“Non c’è alcuna indicazione che questo crimine abbia qualche collegamento con il terrorismo internazionale,” ha dichiarato il ministro dell’Interno ceco Vit Rakusan rassicurando la gente scioccata. E “scioccato” si è detto anche il presidente ceco Petr Pavel postando su X le sue condoglianze.

“Si è trattato di un attacco violento premeditato,” così il capo della polizia Martin Vondrasek mentre già viaggiavano sui media  i post deliranti di una sorta di diario scritto dal killer nei giorni scorsi su Telegram.

“Mi presento, mi chiamo David e voglio fare una sparatoria a scuola e possibilmente suicidarmi. Ho sempre voluto uccidere, pensavo che sarei diventato un maniaco in futuro ma ho realizzato che era molto più conveniente fare una strage di massa invece di essere un serial killer.” Questo uno dei tanti post di Kozak su Telegram.

“Odio il mondo e voglio lasciare quanto più dolore possibile.” Un’altra delle frasi ricorrenti del Killer sui Social.

La polizia sta verificando l’autenticità dei messaggi e intanto ha ricostruito la sequenza degli eventi che mostrano come Kozak avesse pianificato accuratamente la strage.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top