skip to Main Content

The Monday

Settimanale di politica, economia, affari, finanza, cronaca giudiziaria e investigation

il lunedì Video

3 Video

Tajani morde sulla pressione fiscale e si lancia contro la BCE: “Aumentare il costo del denaro in Europa significa provocare la recessione.”

Tajani morde sulla pressione fiscale e si lancia contro la BCE: “Aumentare il costo del denaro in Europa significa provocare la recessione.”

Tajani morde sulla pressione fiscale e si lancia contro la BCE: “Aumentare il costo del denaro in Europa significa provocare la recessione.”

“Non possiamo essere più il partito che viene sempre coperto e aiutato dal suo leader. Adesso dobbiamo camminare con le nostre gambe, è il miglior modo per rendere onore a Berlusconi.” Antonio Tajani, alla festa dei giovani del partito, a Gaeta, rilancia Forza Italia, dopo la scomparsa di Silvio Berlusconi pochi mesi fa.

La sua è una voce squillante, ambiziosa, capace di trasmettere ai giovani, dai quali vuole ripartire il partito, l’orizzonte luminoso che il Segretario e Capo della Farnesina si auspica per la propria forza politica.

“Questa è la manifestazione – ha spiegato Tajani – che ha segnato l’inizio della ripresa politica di FI. Abbiamo voluto non a caso ricominciare coi giovani, perché siamo e vogliamo essere il futuro dell’Italia. Berlusconi ha costruito FI perché andasse avanti, perché fosse portatrice dei suoi valori nel futuro e noi siamo ripartiti dai valori. È stata una tre giorni piena di contenuti. C’è un movimento giovanile vero – ha aggiunto – non truppe cammellate”

Poi ha aggiunto: “Noi combattiamo per dei valori – ha detto – non per una poltrona. Siamo alleati dei nostri amici del centrodestra ma anche diversi. Se no saremmo un partito unico. Siamo fieri di essere FI e vogliamo andare avanti con la nostra bandiera e il nostro simbolo e le idee di Silvio Berlusconi. Siamo convinti – ha proseguito – che le nostre idee siano le migliori per risolvere i problemi degli italiani. Siamo leali nei confronti del presidente del Consiglio e dei nostri alleati e vogliamo rappresentare l’elemento di stabilità e di affidabilità per i cittadini e anche sul palcoscenico internazionale”.

La parola d’ordine per Tajani, la quale era anche sostenuta dal fondatore di Forza Italia Silvio Berlusconi è meno tasse. Secondo il Segretario di partito questa è la chiave per rimettere in moto l’economia.

“Dobbiamo stabilizzare il taglio del cuneo fiscale – ha spiegato – dobbiamo detassare le tredicesime, gli straordinari e i premi di produzione. Dobbiamo cominciare dal lavoro, perché oggi abbiamo un problema grave che è l’inflazione. Dobbiamo difendere il potere d’acquisto delle famiglie italiane.”

Poi la stoccata alla BCE: “Dobbiamo battere anche in Europa sulle grandi questioni economiche, sui tassi d’interesse e sulle scelte della Bce. Aumentare il costo del denaro in Europa significa provocare la recessione.”

Fonte: Agi

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top