skip to Main Content

The Monday

Settimanale di politica, economia, affari, finanza, cronaca giudiziaria&locale e investigation

il lunedì Video

3 Video

    Perché vogliamo gli Africani e non gli italiani

    Elly Schlein, Il Giornale scivola sulle buccie dell'Osservatorio di Pavia

    Perché vogliamo gli Africani e non gli italiani

    L’attuale scenario occupazionale, che si parli di industrie, le più varie, dal settore alberghiero, al settore GDO, alle botteghe o artigiani, e molti altri settori, lamenta un decremento di risorse, altresì forza lavoro, che in cambio di uno stipendio – a volte questo è in rapporto con l’età, con l’esperienza e con l’andamento dell’economia industriale – si rifiutano di lavorare. Numerosi sono i casi emersi negli ultimi mesi. Ristoranti che si lamentano perché i neo cuochi o camerieri – hanno scelto loro di studiare quelle discipline – preferiscono abbordare una bella figa in discoteca o in un locale, imprese che denunciano un denutrimento insensato di competenze e di strumenti base per poter svolgere mansioni per cui vengono pagati.

    La sostituzione etnica altro non è che la compensazione di tali risorse per non fare scivolare imprese e aziende nei momenti di ripresa in uno stato di congelamento.

    I giovani italiani non vogliono lavorare. Ma non solo non vogliono lavorare. Non vogliono nemmeno studiare. 

    Ecco che imprese e aziende sono a corto di risorse e competenze e si vedono costrette a ricercarle altrove.

    Noi ci schieriamo a favore di tali manovre sostenendo quindi tutte le filiere industriali e schierandoci contro chi preferisce il reddito di cretinanza piuttosto che inserirsi nel mercato del lavoro, fare esperienza e mano a mano migliorare il proprio status sociale ed economico. 

     

    Questo articolo ha 0 commenti

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back To Top